Imparare una lingua è tutta questione di motivazione

//Imparare una lingua è tutta questione di motivazione

Imparare una lingua è tutta questione di motivazione

Lo scorso mese ho chiesto ad alcuni studenti di preparare un discorso sull’argomento: cosa fate per combattere il surriscaldamento globale. Bene, ho ricevuto alcune risposte interessanti: Giada mi ha detto che utilizza la bicicletta per andare a lavoro. Fabiana ha invece deciso di diventare vegetariana. Io ho detto che acquisterei un’auto solo se potessi permettermene una elettrica. In ogni caso, si tratta di prendere coscienza che potremmo vivere meglio se decidessimo di vivere con meno. Se decidessimo di concentrarci sulle cose delle quali abbiamo veramente bisogno, come l’amore, il cibo e la sicurezza. Soprattutto abbiamo bisogno di dedicare più tempo alla nostra vita e goderci il nostro tempo libero come vogliamo. La domanda è: cosa vogliamo? Cosa vuoi tu?

Vi racconto questa storia perché dopo 6 anni di esperienza nell’insegnamento sono giunta ad una conclusione: è davvero importante proporre in classe argomenti stimolanti. Che non siano solo stimolanti, ma che siano anche collegati alla realtà e che ci facciano riflettere sulla nostra vita. Generalmente i libri di lingue forniscono già argomenti relativi ad attività quotidiane e le collegano alla lingua di destinazione. Questo è un metodo molto efficace per insegnare una lingua, dal momento che gli studenti collegheranno le cose che accadono nella loro vita reale alla lingua che stanno imparando. Tuttavia ho capito che questo non è sufficiente a motivarli ad apprendere una lingua. La chiave è scoprire la motivazione dei propri studenti e trasformarla in qualcosa di divertente, interessante e che li farà attendere con ansia la prossima lezione.

Trovare la motivazione

Prima di tutto, la cosa più importante è fare un’analisi dei bisogni degli studenti. Questo vi aiuterà a capire il perché hanno deciso di imparare una lingua. C’è un esempio che mi piace usare sulla motivazione. Ho questa grande studentessa che ha deciso di imparare l’inglese per una ragione molto nobile: diventerà un medico e dopo la laurea andrà in Kenya ad aiutare la popolazione. Quindi, in questo caso, la mia studentessa ha un sogno che l’ha portata ad avere un obiettivo chiaro: diventare medico, imparare l’inglese ed andare in Kenya. Quando me lo disse decisi di proporle durante le lezioni argomenti relativi a questo obiettivo. Decisi inoltre di proporle argomenti che si adattassero alla sua personalità.

In questo processo ho anche capito che aiutare i miei studenti a raggiungere i loro obiettivi linguistici è un work in progress. Questo è quello che mi piace chiamare il processo WIP. Perché? Semplice: aiutare gli studenti ad ottenere ciò che vogliono richiede una motivazione costante. Per fare questo, è molto importante conoscerli meglio. Cosa gli piace fare? Quali sono le loro principali difficoltà? Quali sono i loro punti di forza? In qualità di insegnante devi ascoltarli attentamente e trovare il modo per aiutare ogni studente a superare i problemi ed affrontare le sue possibili frustrazioni. E’ un processo WIP. Non finisce mai. Ecco perché penso che il rapporto umano nel processo di apprendimento sia così indispensabile. Una volta che instauri un rapporto stabilisci una relazione di fiducia. Loro saranno più aperti a te e tu sarai più aperto a loro. Potreste anche diventare buoni amici.

Il risultato di questo rapporto è che ti impegnerai a fargli raggiungere i loro obiettivi perché hanno fiducia in te. Ecco qual è la tua responsabilità: mantenendoli motivati sarai motivato anche tu. E’ un loop infinito.
Finora questo approccio ha funzionato abbastanza bene. Richiede tempo, dedizione e passione per l’insegnamento. So che come insegnanti diamo per scontato che amiamo ciò che facciamo. Tuttavia continuo a ricordarmi che questo non è solo un lavoro. Non abbiamo deciso di diventare insegnanti per il denaro. E’ una vocazione. Secondo me si tratta di aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi. Pertanto, se ci credi non avrai mai problemi a motivare i tuoi studenti.

By |2018-12-21T16:39:41+00:00Ottobre 6th, 2018|Metodo IELO|Commenti disabilitati su Imparare una lingua è tutta questione di motivazione